Aggiornamento dei prezzi S&P 500: le azioni statunitensi sembrano ottimistiche in vista del rischio di eventi importanti

Nonostante un’economia debole e il rischio di una recessione, le azioni statunitensi sembrano ottimistiche, in vista di un importante evento di rischio che potrebbe far scendere le azioni. Un rapporto sul raffreddamento dell’inflazione e la probabilità di una pausa nei rialzi dei tassi della Fed hanno contribuito ad alimentare un rally delle azioni. In effetti, l’S&P 500 ha raggiunto un livello record dopo il rapporto sull’inflazione. Tuttavia, l’S&P potrebbe scendere del 20% in una recessione, a seconda delle politiche della Federal Reserve.

Martedì, il Dow Jones Industrial Average è salito di 260 punti, mentre l’S&P 500 è salito dello 0,48%. Gli investitori hanno colto al volo un forte rapporto sugli utili di Walmart, i cui risultati sono stati migliori del previsto. Oltre al rapporto Walmart, Home Depot, Caesars e Carnival hanno tutti riportato risultati positivi. Tuttavia, gli investitori erano anche preoccupati per un rapporto chiave sull’inflazione.

Il rapporto sull’inflazione ha mostrato un rallentamento dell’inflazione annuale, ma i prezzi sono rimasti invariati a luglio. Questo, unito alla possibilità di una pausa nei rialzi dei tassi della Fed dopo la riunione della Federal Reserve di novembre, ha spaventato gli investitori. Ora stanno guardando avanti a un rapporto chiave sull’inflazione mercoledì. È anche possibile che la Fed alzerà i tassi di un quarto di punto nella riunione di novembre. Ciò potrebbe aumentare i rendimenti obbligazionari e pesare sui titoli a crescita elevata.

La Federal Reserve sta alzando i tassi di interesse, ma gli investitori temono che stia andando troppo veloce. Uno dei motivi è che la Fed vuole tenere sotto controllo l’inflazione. Vuole anche scoraggiare le speculazioni su una recessione. Se l’economia rallenta più velocemente del previsto, sarà necessaria una pausa negli aumenti dei tassi.

Un altro motivo della scarsa performance del mercato è l’incertezza sugli utili. Secondo la Refinitiv S&P 500 Earnings Scorecard, ci sono 55 preannunci negativi sugli utili per azione per il secondo trimestre. Quelli sono inferiori a quanto molti strateghi si aspettavano. L’obiettivo di fine anno di S&P è superiore del 15% rispetto al livello attuale. Tuttavia, il mercato dei futures sui dividendi sembra scontare un calo degli utili nel 2023.

Il CEO di JPMorgan Jamie Dimon ha avvertito lunedì che l’economia statunitense è probabilmente diretta verso la recessione entro il prossimo anno. Le politiche restrittive della Federal Reserve stanno contribuendo alla scarsa performance delle azioni statunitensi e gli investitori stanno diventando sempre più avversi al rischio. Ciò è particolarmente vero per le small cap e le azioni delle compagnie di crociera. Inoltre, molti dei maggiori vincitori di Wall Street hanno legami con il mercato immobiliare e il mercato immobiliare ha contribuito in modo determinante alla performance del mercato.

È anche possibile che la Fed inizi a rallentare i suoi rialzi dei tassi dopo la riunione di novembre, a condizione che l’inflazione non stia scendendo troppo. Ciò potrebbe anche portare i consumatori a viaggiare di più, aumentando così i profitti. Inoltre, l’indice chiave dell’inflazione ha mostrato un rallentamento dell’inflazione annuale.

Le azioni hanno subito un duro colpo nella prima metà del 2022 e gli investitori stanno aspettando che il dolore finisca. Tuttavia, potrebbe essere una questione di tempo prima che le azioni si riprendano dai loro minimi. Si spera che il rally di quest’anno sia di breve durata, poiché il rischio di recessione è in aumento.

Una guida alla psicologia del trading

Che tu sia un principiante del trading o che lo faccia da un po’ di tempo, puoi trarre vantaggio dalla comprensione della psicologia alla base del trading. Avere una buona comprensione delle proprie emozioni e comportamenti può migliorare i risultati del trading, oltre ad aiutare a risolvere i problemi con le tecniche di gestione mentale. In questo articolo, esamineremo alcuni dei principali fattori psicologici che influenzano il tuo trading e come superarli.

È importante rendersi conto che il trading è più un gioco mentale che un processo meccanico. Anche con una solida strategia, puoi comunque essere influenzato dai fattori psicologici che influenzano il tuo processo decisionale. Ciò significa che è importante armarsi degli strumenti e delle strategie giuste.

Alcuni dei fattori emotivi più comuni che influenzano il trading sono la paura e l’avidità. L’avidità motiva i trader a rimanere in posizioni che hanno un grande potenziale per un grande guadagno. Allo stesso modo, la paura fa sì che gli investitori vendano i loro beni in una frenesia di paura. Tuttavia, è importante rendersi conto che mentre queste emozioni possono essere utili, possono anche essere dannose. Avere la giusta mentalità può aiutarti a evitare queste tendenze emotive negative.

Avere la giusta mentalità ti consentirà di superare i pregiudizi cognitivi e altri fattori che possono influenzare il tuo trading. L’errore del costo irrecuperabile è uno di questi pregiudizi, che induce le persone a favorire lo status quo piuttosto che cambiare la propria strategia. Può anche portare a pessimismo e perdite a valanga. È importante sapere come superare questo pregiudizio e adattarsi alle condizioni del mercato.

Imparerai anche come gestire le operazioni vincenti e perdenti. Queste sono due delle sfide più comuni per i nuovi trader. Spesso, questi problemi possono essere risolti con semplici strategie. Ad esempio, puoi utilizzare obiettivi esterni per tenerti in carreggiata. Dovresti impostare un obiettivo di trading che puoi raggiungere in una serie di operazioni. Questo ti aiuterà a costruire l’autodisciplina, che è essenziale per il successo nel trading a lungo termine.

Avere una mentalità positiva può aiutarti a mantenere una testa calma e equilibrata durante la volatilità del mercato. Ti aiuterà anche ad avere successo in altre aree della vita. È anche importante ricordare che la sperimentazione fa parte del processo di apprendimento. All’inizio, potresti voler iniziare con piccoli importi di capitale, come $ 10 o $ 20. Dopo alcune operazioni, potresti voler passare a importi maggiori. Una volta che la tendenza è cambiata nella giusta direzione, sarai in grado di scalare ulteriormente.

Un altro bias psicologico che può avere un impatto sul trading è il bias di conferma. Il bias di conferma fa sì che le persone cerchino informazioni che confermino le loro opinioni esistenti. È importante evitare questo pregiudizio, poiché può portare a tecniche di trading errate.

Un altro fenomeno psicologico è la fallacia del costo irrecuperabile, che fa sì che le persone favoriscano il terremoto dello status e raddoppino le posizioni vincenti. È importante comprendere questo pregiudizio ed evitarlo, in quanto può portare al pessimismo e rendere difficile l’adattamento alle mutevoli condizioni del mercato.

La debolezza USD/JPY lascia 140,00 come prossimo obiettivo al ribasso

Storicamente, lo yen giapponese è servito da rifugio sicuro contro i rischi di difficoltà economiche, ma dati recenti suggeriscono che lo yen si sia indebolito. Questo sta causando preoccupazione per molti. La Bank of Japan (BOJ) ha cercato di correggere un tasso di inflazione cronicamente basso e questa tendenza è proseguita negli ultimi mesi. Tuttavia, la politica monetaria della BOJ rimane all’estremità ultra-facile dello spettro. Questo non è sostenibile e il governo giapponese deve prendere sul serio l’azione.

Lo yen è sceso al livello più basso rispetto al dollaro in oltre due decenni. In effetti, è la valuta più debole rispetto al dollaro USA dal 1998, quando ebbe luogo una campagna coordinata di acquisto di yen. Tuttavia, questa non è l’unica preoccupazione per il governo giapponese. Anche il disavanzo commerciale e delle partite correnti della nazione sta causando un calo dello yen. Questi deficit stanno influenzando il valore dello yen e questo è un fattore negativo per molte società giapponesi. Di conseguenza, un calo dello yen potrebbe rendere le aziende giapponesi più competitive. Tuttavia, il calo potrebbe anche portare ad alcuni effetti negativi per le società di servizi pubblici e alimentari giapponesi.

La Banca del Giappone si è impegnata a continuare a mantenere i tassi di interesse estremamente bassi. Tuttavia, la banca centrale ha indicato che potrebbe essere necessario fare di più per cementare l’inflazione nelle menti dei consumatori e delle imprese. Questo è un problema chiave perché una recessione potrebbe causare l’indebolimento del dollaro USA. Se la Federal Reserve seguirà il percorso della maggior parte delle altre banche centrali, che stanno alzando i tassi di interesse, il divario tra i due paesi aumenterà, causando ulteriore pressione sullo yen.

La Bank of Japan si è impegnata più volte a mantenere il suo tetto massimo dello 0,25% sul rendimento del titolo di Stato giapponese a 10 anni, che è inferiore al tasso degli Stati Uniti. Tuttavia, la banca centrale è ancora lontana dal raggiungere l’obiettivo del 2% di inflazione. Si prevede che l’inflazione scenderà al di sotto dell’obiettivo nell’aprile 2023 e la BOJ dovrà fare di più per garantire che l’inflazione rimanga al di sopra del 2% a lungo termine.

Nonostante i continui sforzi della BOJ per mantenere forte lo yen, alcuni analisti affermano che lo yen sta perdendo il suo fascino come porto sicuro. La BOJ ha anche affermato che continuerà a mantenere il suo tetto massimo dello 0,25% sui rendimenti obbligazionari nazionali, ma la politica monetaria della banca centrale dovrà adeguarsi ai movimenti dei cambi. Si prevede che il divario tariffario tra i due paesi continuerà ad allargarsi.

Il governo giapponese sta anche cercando di smorzare la volatilità, poiché l’economia sta attraversando una serie di problemi. In particolare, i prezzi dell’energia stanno salendo e questi costi iniziano a incidere sulle ragioni di scambio. Ciò sta spingendo più aziende ad aumentare le importazioni di merci dal Giappone. Ciò comporterà anche maggiori costi delle utenze per il settore turistico. Il governo ha anche annunciato che allenterà le misure di viaggio Covid-19, che avranno un impatto positivo sulla spesa dei consumatori in Giappone.

Il dollaro USA trova un appoggio più solido dopo il chiarimento della Fed. Ha l’indice DXY

Nonostante il fatto che l’indice del dollaro USA sia sceso al minimo di 20 anni, la valuta sta ritrovando il suo piede. In effetti, l’indice del dollaro è aumentato del 14% finora quest’anno e il dollaro generale è aumentato del 15% finora. Ciò è dovuto ai recenti aumenti dei tassi della Fed. Anche se questo è certamente positivo per il dollaro, può anche essere un po’ un vento contrario per l’economia generale degli Stati Uniti.

L’indice del dollaro tiene traccia del valore del dollaro rispetto a un paniere di sei valute estere. Questo può essere utilizzato per coprire o speculare sul valore del dollaro ed è anche un indicatore della salute generale dell’economia statunitense.

Il dollaro è aumentato di valore rispetto a yen, euro e sterlina britannica negli ultimi giorni ed è stato trainato dal rallentamento economico della Cina e dalla guerra russa in Ucraina. Mentre l’economia giapponese è ancora in difficoltà, ha avuto un aiuto sotto forma di aumenti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve.

La Fed ha anche alzato i tassi di interesse in Cina. Ciò è in parte dovuto all’impegno a combattere l’inflazione. Ciò ha anche spinto al rialzo i rendimenti dei Treasury statunitensi, il che può rendere le obbligazioni più attraenti per gli investitori rispetto alle obbligazioni a basso rendimento di altre nazioni.

Nel frattempo, la Fed ha annunciato che continuerà ad aumentare i tassi di interesse, che probabilmente continueranno a far brillare il dollaro. L’aumento dei tassi da parte della Fed renderà le obbligazioni più volatili. Ciò renderà anche le azioni e i tassi ipotecari più volatili. Questo potrebbe essere un buon momento per gli investitori per considerare di investire in un mercato che è stato recentemente martellato, afferma Kamakshya Trivedi, responsabile della ricerca sulla strategia di cambio globale presso CIBC Capital Markets.

Un’altra area in cui l’indice del dollaro potrebbe rafforzarsi è il renminbi cinese. Mentre la Fed continua ad aumentare i tassi di interesse, il renminbi potrebbe continuare a indebolirsi. Tuttavia, questo non è stato ancora confermato e gli analisti affermano che è ancora troppo presto per dirlo con certezza.

Un altro indicatore della forza del dollaro è il suo indice ponderato per il commercio. Questo indice è un indice geometricamente ponderato che misura il valore del dollaro rispetto a un paniere o gruppo di sei valute estere. Non riflette esattamente l’attuale commercio statunitense, ma offre ai trader una buona idea del valore del dollaro nell’economia globale.

Sebbene il dollaro sia ancora una valuta forte, non è in buona forma come gli ultimi due picchi principali. Il dollaro continuerà a salire, ma potrebbe non rimanere così alto a lungo. Sebbene la valuta sia ancora in ottima forma, fare scommesse sostanziali su di essa non è una scommessa sicura. Piuttosto, potresti voler guardare altre valute per avere più senso.

L’indice del dollaro è una buona misura del valore del dollaro rispetto a un paniere e i trader possono coprire la propria esposizione valutaria con questo indice. Consente inoltre agli investitori di speculare sul valore del dollaro e può essere uno strumento utile da utilizzare per le strategie future.

L’IPO di Coinbase potrebbe essere valutata a $ 28 miliardi

Quando si parla del futuro del capitale di rischio e dell’indice Winklevoss, l’IPO di Coinbase potrebbe essere il punto di svolta. Dalla scomparsa del Nasdaq, c’è stato un cambiamento di paradigma nel modo in cui queste società sono valutate. Mentre in passato c’era una chiara delineazione tra offerte di collocamento privato di fascia alta e titoli di avviamento, oggi non esiste più una tale distinzione. Le offerte di collocamento privato e le azioni di start-up sono semplicemente titoli in cui il sottoscrittore, cioè un broker-dealer, funge da intermediario, abbinando un investitore con un IP che corrisponde al loro profilo di rischio.

Sebbene questa disposizione abbia senso in teoria, ci sono alcune limitazioni significative nella pratica. Uno dei più importanti è che, sebbene le società di capitale di rischio possano acquistare gran parte delle azioni di una società, non possono assicurarlo. Questa è la cosiddetta posizione corta nuda, ovvero la vendita di un titolo senza la garanzia di un acconto. Non è raro che le società di capitale di rischio subiscano una perdita sulle proprie azioni e lasciano l’intera impresa in vendita a un altro investitore.

Dalla scomparsa del Nasdaq e dalla conseguente follia di acquisti da parte degli investitori cinesi, non c’è stato un grande aumento delle IPO cinesi. Inoltre, poiché le IPO sono essenzialmente borse valori che offrono azioni non azionarie a addetti ai lavori accreditati, non vi è alcuna garanzia che questi nuovi titoli funzioneranno bene. In effetti, molti analisti hanno indicato che le IPO storicamente non hanno una buona performance poiché hanno un numero limitato di potenziali acquirenti. Pertanto, se c’è una valutazione di $ 28 miliardi per Coinbase, sembrerebbe che la società di venture capital non stia probabilmente generando alcun reddito significativo.

Tuttavia, ci può essere speranza poiché l’attuale tendenza per le IPO indica che stanno diventando più mainstream. Poiché più start-up trovano un ampio gruppo di investitori disposti ad acquistare le proprie azioni contemporaneamente, è più probabile che un’IPO abbia un buon rendimento. Man mano che cresce l’hype dietro le start-up, la percezione diventa che il prezzo di tali società diventerà attraente per gli investitori. Al momento, ci sono troppe incognite per proiettare tendenze significative delle entrate a lungo termine. Inoltre, va notato che molte delle IPO di successo sono state valutate abbastanza bene al momento della loro emissione. Pertanto, ci sono tutte le possibilità che la valutazione di Coinbase venga ulteriormente ridotta mentre cerca di ottenere una quotazione sana sulla Borsa di New York.

Se la valutazione è davvero bassa, sarebbe difficile per altre società commerciali private seguirne l’esempio. Con un numero incredibile di nuove start-up che fanno trading sul mercato ogni anno, ci sono un numero limitato di sedi attraverso le quali gli investitori privati ​​potrebbero ottenere le loro azioni. Una possibile eccezione potrebbe essere l’aggiunta di un piccolo mercato secondario per i numeri CUSIP. Ciò consentirebbe a un numero di investitori di partecipare al trading e, di conseguenza, la liquidità aumenterebbe.

Alla fine, solo il futuro può fornire chiarezza. Tuttavia, al momento, sembra che Coinbase stia semplicemente seguendo una tendenza consolidata nel mondo del trading online. Il prezzo minimo e il volume di scambi modesto dovrebbero essere considerati un buon segno per tutti i potenziali investitori. Il team di gestione dell’azienda ha dimostrato di comprendere quanto sia importante fornire una piattaforma di trading affidabile e quindi continuerà a impegnarsi per raggiungere tale obiettivo.

S&P 500 top movers Alexion Pharmaceuticals Inc ALXN NASDAQ su più di

Chi sono i top movers dell’S & P 500 nel settore sanitario? Se sei come la maggior parte dei professionisti del settore sanitario, la risposta non è molto. Ci sono certamente nomi degni di nota in questo elenco – CIG, Marathon, Dish Network, GE, Johnson & Johnson e Memorial Medical – ma il lungo e il corto è che l’assistenza sanitaria è davvero un piccolo settore rispetto al resto del magazzino mercato. In effetti, quando fai un sondaggio tra gli amministratori delegati dei principali ospedali, case di cura e aziende farmaceutiche, ciò che scoprirai è che in realtà non si preoccupano di essere grandi nomi di Wall Street.

In realtà è piuttosto sorprendente scoprire quanto poco riconoscimento abbia il mercato azionario per il lavoro svolto dagli operatori sanitari. Anche in un’economia instabile, gli operatori sanitari sono relativamente immuni agli alti e bassi del mercato. La sanità è un settore stabile, anche in tempi economici lenti. Allora, perché questi promotori dell’S & P 500 nel settore sanitario sono a frotte? La risposta è una parola: profitti.

Negli ultimi due decenni, i titoli sanitari hanno registrato una crescita quasi perfetta, con un aumento medio di quasi il 150%. E questi guadagni si sono mantenuti costanti dal punto più basso del crollo delle dot-com. Tuttavia, questi profitti non sono stati privi di una serie di problemi. Come avrete notato durante il boom della bolla immobiliare, alcune società immobiliari sono diventate troppo grandi troppo velocemente.

Molte aziende sono fallite quando è scoppiata la bolla. Altri sono stati semplicemente acquistati da aziende più grandi che hanno approfittato della comunità degli investitori “in the know”. In seguito, queste aziende hanno faticato a rimanere solvibili quando le nuove tecnologie e altri aspetti del business sono venuti in primo piano. Di conseguenza, molti investitori sono rimasti in possesso di un intero stock di prodotti che non guadagnano. E dato lo stato dell’economia, anche quello adesso è un rischio. Dato che l’S & P 500 ha registrato una ripresa dal minimo recessivo, è un’opportunità molto più interessante da dare un’occhiata.

La cosa bella dell’S & P 500 è che fornisce un modo ideale per gli investitori a lungo termine per monitorare le singole azioni. Poiché questo tipo di trading non implica alcuna decisione di acquisto o vendita, puoi esaminare l’andamento dei singoli titoli nel tempo per avere un’idea del loro valore complessivo. È anche utile in quanto può fornire una rapida occhiata alle potenziali acquisizioni. Mentre esamini le singole azioni, puoi utilizzare la “hot list” per determinare se il prezzo delle azioni continuerà a salire o scendere.

Naturalmente, ci sono molti altri fattori che contribuiscono a garantire che i migliori promotori dell’S & P 500 raggiungano il livello. Uno dei più importanti è avere un piano per investire dopo aver venduto le azioni. In questo modo, puoi sfruttare le opportunità per sfruttare le prestazioni dei tuoi investimenti appena acquisiti riducendo al minimo i rischi. Un buon piano ti aiuterà a fare le mosse giuste quando si tratta di scegliere i migliori motori dell’S & P 500.

Il WTI scivola dai massimi mattutini europei, ma rimane supportato sopra 46,16 $

Oggi, il WTI è scivolato dai massimi mattutini europei, ma rimane supportato sopra i $ 46. Questo perché il WTI è di natura rialzista e sembra scendere in continuazione fino ai livelli di resistenza. La continuazione porta a una maggiore volatilità, che spinge ulteriormente verso il basso il prezzo del WTI. Ecco alcuni punti importanti per capire perché questo mercato è di natura piuttosto ribassista e cercare segnali rialzisti per trarne vantaggio.

Il WTI si è confermato indicatore di debolezza dei mercati. Oltre a questo, ci sono diversi indicatori tra cui RSSI e AMEX. RSSI tiene traccia dei dati di produzione mentre AMEX è uno strumento popolare utilizzato per la determinazione del prezzo delle valute. Venerdì il WTI è scivolato al di sotto dei livelli di resistenza alla rottura, mentre mercoledì ha superato i livelli di resistenza.

Ora, la maggior parte dei trader dirà che il WTI è un indicatore molto affidabile dei prezzi delle coppie di valute e quindi dovrebbe essere seguito da vicino. Tuttavia, questo non è il caso. Uno dei motivi è che la coppia EUR / USD non è un mercato molto forte rispetto ad altre valute della stessa coppia. Ciò implica che la coppia EUR / USD è un mercato più debole e quindi più difficile da negoziare con successo.

I trader cercano anche livelli giornalieri di supporto e resistenza. Il supporto è generalmente indicato dai prezzi di chiusura giornalieri che sono inferiori al massimo del giorno precedente. La resistenza è tipicamente indicata dai prezzi di chiusura giornalieri che sono al di sopra del massimo del giorno precedente. Quindi, se trovi che il divario WTI giornaliero è superiore al massimo dei giorni precedenti, puoi tranquillamente entrare nel mercato. Questo è un buon momento per l’acquisto se il divario giornaliero del WTI è inferiore al massimo dei giorni precedenti.

Se segui le lacune quotidiane, sarai in grado di prevedere dove andrà il mercato prima che arrivi. Tuttavia, se non lo fai, dovrai continuare a indovinare dove andrà il mercato e di conseguenza i tuoi scambi saranno incerti. Quindi, assicurati di dare un’occhiata alle lacune giornaliere e fai trading di conseguenza. In questo modo, avrai maggiori probabilità di avere successo.

Tuttavia, c’è di più nel negoziare l’euro oltre a dare un’occhiata ai dati giornalieri del WTI. Se vuoi fare trading con successo, devi sapere quando entrare nel mercato e quando uscire. Devi sapere quando utilizzare tecniche di momentum trading a breve termine e quando evitarle del tutto. In effetti, una delle strategie chiave che utilizzo è fare trading con un po ‘di slancio nel mio trading forex.

L’AUD / USD riduce i guadagni giornalieri intorno a 0,7530

Il prezzo del dollaro americano rispetto all’euro venerdì è stato vicino al minimo di due mesi, poiché i trader hanno atteso qualsiasi segno di una mossa dell’USD contro la sterlina. La coppia EUR / USD si sta attualmente avvicinando ai minimi di fine luglio e inizio agosto. I professionisti del trading Forex che hanno osservato il panorama politico ed economico europeo stanno guardando lo stesso scenario con AUD / USD e stanno discutendo se è il momento di fare una mossa nella direzione opposta.

Alcuni analisti affermano che questa mossa potrebbe essere rialzista per AUD / USD. Sebbene non vi sia una relazione diretta tra un rapporto economico e la coppia di valute che vengono studiate, la psicologia spesso gioca un ruolo. Quando si verifica un aumento della valuta di un paese, i trader iniziano a chiedersi se lo stesso accadrà allo stesso modo per l’altro paese. In caso affermativo, ciò porta a una serie di domande sulla validità dei dati economici a suo favore. Si dice spesso che la psicologia del mercato possa svolgere un ruolo importante nella previsione dei futuri movimenti dei prezzi.

Che aspetto ha per AUD / USD? Ebbene, sembra che ci sia stato un sostanziale aumento del numero di scambi nel biglietto verde. Ora, questo non vuol dire che non ci sia stato un bel po ‘di movimento in passato. In passato, i venditori allo scoperto hanno scommesso che la coppia EUR / USD sarebbe scesa. Questa strategia si è rivelata vincente poiché la coppia EUR / USD si è leggermente indebolita, consentendo ai trader di realizzare profitti a breve termine mentre la coppia EUR / USD si è rafforzata in seguito.

Tuttavia, sembra che questa volta la coppia EUR / USD abbia resistito abbastanza comodamente sopra l’USD. Ciò ha portato a concentrare molta più attenzione sulla coppia di valute. Se la coppia EUR / USD continuerà su questa tendenza, probabilmente continuerà a fare forti guadagni. La domanda ora diventa, se gli investitori stanno prestando troppa attenzione ai piccoli cambiamenti nella coppia. È possibile che i recenti punti bassi siano stati in realtà una grande mossa, o c’è un altro punto di dati per la coppia che sta rendendo l’attuale round di investitori molto confuso?

La risposta è no. Le tendenze sono cicliche e il problema del debito europeo, pur avendo una certa incidenza sul mercato Forex, non sarà probabilmente una delle principali forze trainanti dietro le mosse delle principali valute. I recenti punti bassi si sono verificati in un momento in cui il sistema finanziario europeo era in subbuglio e molte persone erano preoccupate per le prospettive per l’euro. Se le cose fossero andate diversamente, l’AUD / USD sarebbe stato di gran lunga inferiore a quello che è attualmente.

Ci sono sicuramente molte analisi tecniche che possono essere fatte per cercare di decifrare dove sono i livelli di supporto e resistenza e se il mercato si sta avvicinando o allontanando da una particolare tendenza. Tuttavia, nessun singolo indicatore sarà in grado di fornire agli investitori un quadro completo del mercato. Finché ci sono tendenze nel mercato, è importante ricordare che diventeranno più potenti solo con il passare del tempo. Se sai quando acquistare e quando vendere, puoi aumentare il tuo potenziale di profitto e ridurre il rischio.

Gemini prevede di introdurre lo staking di Ethereum 2.0

Ieri, i Gemelli hanno pubblicato la loro roadmap per il prossimo anno e hanno ufficialmente avviato il pre-mine. Rilasceranno quattro aggiornamenti separati a settimana, rivolti a due aree specifiche: WebRTC e pagamenti. In questo momento l’industria si sta concentrando su WebRTC, il futuro dell’interazione vocale per i browser. Con Gemini, introdurranno una nuova tecnologia chiamata Telex. Telex è una rete privata che consentirà agli utenti di effettuare transazioni su Internet e possibilmente anche su altre valute digitali come il torio.

C’è molta eccitazione intorno a Ethernet e sta iniziando a surriscaldarsi. Vedi aziende come AT&T, Verizon, Netflix e altre che hanno enormi quantità di denaro da investire in questo mercato. La domanda è: come intendono essere coinvolti senza rovinare completamente le cose. La risposta è che con Gemini stanno introducendo un protocollo che gli sviluppatori possono utilizzare durante lo sviluppo di applicazioni Internet. Stanno sfruttando la rete Telex, che gestisce le transazioni tra blockchain.

Quando Gemini lancerà la propria rete in cinque anni, dovrebbero esserci più di cinquanta catene in esecuzione in trenta paesi diversi. In questo momento, sono venti. Poiché questa era l’intenzione dei Gemelli, annunceranno altre quattro catene nei prossimi mesi, quindi potremmo guardare a una rete globale di oltre duecento mercati che utilizzano oltre mille valute diverse.

Ora che sappiamo cosa faranno, diamo un’occhiata a come ci arriveranno. Innanzitutto, introdurranno due nuovi servizi web. Ciò consentirà a chiunque disponga di una connessione Internet di interagire con chiunque altro. Alcuni potrebbero pensare che questa sia una cattiva idea, ma finché ci sono cinque miliardi di persone sul pianeta, è quasi perfetto.

Dopo che saranno stati lanciati, Gemini rilascerà il proprio portafoglio. Questo integrerà il loro backend con quelli delle principali reti per rendere le cose più facili per le persone. Una volta completato, potranno lavorare da qualsiasi parte del mondo. La cosa ancora migliore è che sarà compatibile con la loro app mobile. Ora chiunque possieda uno smartphone può essere un cliente di questa azienda.

Sembra che Gemini abbia intenzione di introdurre Ethernet 2.0 in tre o cinque anni. Durante il primo anno rilasceranno il loro protocollo e la libreria standard. Nel secondo anno supporteranno dieci diverse reti in tutto il mondo. Quindi, nel terzo anno, implementeranno il loro backend in tutte le loro linee di prodotti, consentendo a qualsiasi utente di utilizzare la propria rete indipendentemente da dove si trovi. Quando lo faranno, avranno completamente rivoluzionato il modo in cui utilizziamo Internet.